Ultimo Power Ranking della stagione.

"Per quest'anno, non cambiare..."

1. (1) Lakers 97

(M: 25+24; G: 24+24)

Mookie: Dovessero finire al comando la regular season, dite che i bookmakers accettino ancora scommesse sui prossimi campioni NBA?
Gerry: I grandi scommettitori e conoscitori della NBA hanno puntato su di loro dopo la sconfitta a Cleveland.

2. (2) Chicago 94

(M: 24+24; G: 23+23)

M: Tutto perfetto, altrimenti non sarebbero primi. Ma tra poco inizieranno a tremare le gambe.
G: A loro o agli avversari?

3. (5) Oklahoma City 90

(M: 24+22; G: 22+22)

G: Durant prende palla, si alza e segna.
M: Non avessero perso contro Toronto il loro mese di marzo sarebbe stato migliore perfino dei Lakers. Siamo sicuri che agli Spurs convenga finire primi?

4. (4) Miami 89

(M: 22+23; G: 22+22)

M: Ai playoff non cambierà nulla: saranno fischiati e odiati ovunque.
G: Un modo per zittire i fischi (ma aumentando l’odio) ci sarebbe..

5. (7) Dallas 88

(M: 21+23; G: 22+22)

M: Cuban la pensa come noi: solo Beaubois li può portare al titolo. Ovviamente non succederà.
G: Il problema di Cuban è che sono dieci anni che in questo periodo pensa vanamente a cosa ed a chi li può portare al titolo.

6. (8) Boston 88

(M: 19+23; G: 23+23)

M: Il dieci aprile a Miami prove tecniche di secondo turno, in palio potrebbe esserci il fattore campo.
G: In un mese rischiano di passare dal terzetto playoff vs Indiana – vs Orlando – vs Chicago a quello vs Philadelphia – @ Miami – @ Chicago. Nessun problema se fossero i soliti Celtics, ma lo sono?

7. (3) San Antonio 86

(M: 17+25; G: 22+22)

M: Appena un mese fa era la stagione dei record di franchigia, ora ne possono perdere solo una su sette per essere sicuri di conservare il fattore campo. Nuvoloni.
G: Alla fine non è tanto importante “con chi” giocheranno, ma “come” arriveranno a giocarci.

8. (6) Orlando 82

(M: 19+21; G: 21+21)

M: Va’ dove ti porta Dwight. Ovvero non oltre l’Illinois.
G: Dalla Florida andare oltre la Georgia è d’altronde un attimo.

9. (9) Denver 81

(M: 21+20; G: 20+20)

M: Ripensando al primo PR… dite a Melo che a Denver stanno meglio da quando lui è a New York.
G: New York! New York!

10. (11) New Orleans 74

(M: 20+18; G: 17+17)

M: Nel miglior momento dei suoi Blazers, Monty si concede il sorpasso, tie-breaker compreso. Ora 4 di fila in casa sono l’occasione per suggellare il 6° posto.
G: Williams è più coach of the year di tutti gli ultimi cinque vincitori del premio, ma purtroppo incrocia lo show di Thibodeau.

11. (10) Portland 73

(M: 19+18; G: 18+18)

M: I Blazers di Aldridge si qualificano ai playoff con discreta facilità: date le premesse, comunque vada è stato un successo.
G: Ma per non essere archiviati come la dinastia che non ha mai passato un turno, è ora di fare strada ai playoff.

12. (12) Atlanta 71

(M: 19+18; G: 17+17)

M: La vittoria di stanotte se non altro da ottimismo in vista della serie al primo turno.
G: Ma Orlando si batte con sorrisi e buon umore?

13. (14) Philadelphia 67

(M: 19+16; G: 16+16)

M: Hanno la meglio su due squadre con la bava alla bocca quali Bulls e Rockets. Senza 7 sconfitte in overtime sarebbero vicini ad Orlando!
G: Chi tra Boston e Miami li pesca al primo turno dovrà rodarsi subito per i playoff.

14. (13) Memphis 67

(M: 19+18; G: 15+15)

M: La prima stagione vincente dai tempi di Gasol senior. Alla fine non hanno deluso, back to the playoff!
G: Ora subito seguito dal back home?

15. (16) New York 63

(M: 16+15; G: 16+16)

M: Melo è il primo Knicks, dai tempi di Pat Ewing, a fare almeno 35 punti in tre partite di fila. Unico punto di contatto con l’epoca in cui NY era una contender.
G: John Starks può essere interpretato da Landry Fields, ma quello che serve veramente è Jeff Van Gundy in panchina.

16. (15) Houston 62

(M: 18+16; G: 14+14)

M: In corsa per un posto nel tabellone.. troppo tardi.
G: Anche il miglior velocista non può fare tutta la corsa sempre nel gruppo.

17. (19) Indiana 53

(M: 16+13; G: 12+12)

M: Per i Pacers i veri playoff sono le prossime sette partite. Stanotte ospitano i Bucks, grande occasione per portarsi al match point ed eliminare i ragazzi di Skiles.
G: Ci stanno provando in tutti i modi a mancare i playoff, ma stanno fallendo.

18. (17) Phoenix 49

(M: 11+14; G: 12+12)

G: Avete presente l’atmosfera nel Chiapas, terra messicana dei discendenti dei Maya, intorno alla metà di dicembre 2012?
M: Free Steve Nash!

19. (22) Charlotte 47

(M: 17+12; G: 9+9)

M: Augustin, Henderson, Stephen Jackson, Diaw, Kwame Brown e la peggior panchina della Lega: Silas santo subito in caso di playoff.
G: D’altronde è stato già unto da Domineddio Michael, il passo è breve. Ma anche l’oblio per i Bobcats futuri è vicino.

20. (18) Utah 46

(M: 11+13; G: 11+11)

M: Nessuna resistenza nel dopo Deron, mi aspettavo qualcosina in più. In estate si completerà la rifondazione.
G: Di solito i mormoni sono bravi e rapidi nel ripartire, ma qui per la prima volta non c’è più coach Jerry.

21. (20) Milwaukee 45

(M: 14+11; G: 10+10)

M: La mia sensazione è che Jennings a Charlotte abbia condannato i Bucks alla lottery. Ora serve un’impresa.
G: Bentornato almeno a Michael Redd.

22. (21) Golden State 43

(M: 14+11; G: 9+9)

M: Niente playoff neppure ad Est. Per me resta un mistero che siano più vicini al 50% che a Minnie.
G: Guardando giocare con attenzione Monta Ellis si svelerebbe parte dell’arcano.

23. (23) Clippers 38

(M: 13+9; G: 8+8)

G: Chiuso per ferie.
M: Do not disturb.

24. (26) Sacramento 28

(M: 15+5; G: 4+4)

M: Per par condicio, battono tutte le squadre in lotta per i playoff. Purtroppo c’è voluta la primavera per vedere i Kings che ci aspettavamo.
G: Ma faranno schifo lo stesso. Pure ad Anaheim.

25. (25) Detroit 25

(M: 7+8; G: 5+5)

M: Oggi a Detroit ritirano la divisa del bad-boy Dennis Rodman. Mentre Pippen e Salley fanno ancora polemica sulle sfide a fine anni 80. Dei Pistons di oggi non importa niente a nessuno.
G: Ora come non mai, c’era una volta in Michigan.

26. (24) New Jersey 23

(M: 6+7; G: 5+5)

M: Deron torna in tempo per il derby, ma fallisce il jumper che valeva l’overtime. L’importante per i Nets è che il playmaker sia ancora con loro l’anno prossimo.
G: Ma è quello dopo ancora l’anno decisivo.

27. (29) Cleveland 16

(M: 7+3; G: 3+3)

G: Ho viste cose che voi umani non potreste immaginare, tipo i Cleveland Cavaliers battere LeBron. Ma è tempo di morire lo stesso.
M: Finalmente è quasi finita. Anche se i Lupi non sono irraggiungibili.

28. (27) Toronto 15

(M: 4+5; G: 3+3)

M: Terzo peggior record nella storia della franchigia, ma hanno battuto due volte i Thunder e una Bulls, Celtics, Magic e Mavs. Qualcosa non torna.
G: Ma hanno fatto schifo lo stesso.

29. (30) Washington 12

(M: 4+4; G: 2+2)

M: Le gomitate fanno parte del gioco. Per capire quanto è messo male Wall, perfino LeBron James riesce ad apparire saggio commentando il gesto sciocco del 2010 #1 pick.
G: Possiamo azzardare un “Wall delusione”?

30. (28) Minnesota 10

(M: 1+3; G: 3+3)

M: L’ultimo posto è in cassaforte.
G: Le sane e vecchie abitudini.


Nota.
Il punteggio totale di ogni squadra è la somma di quattro valori, due per ciascun blogger, compresi tra 1 e 25 e indicati tra parentesi. Per ciascuna coppia di numeri il primo esprime lo stato di forma attuale della squadra, il secondo la prospettiva finale (di regular season) percepita.
Hollinger who?

Tags:

2 Comments to “Power Ranking #16”

  1. Mike says:

    Ultimo Power Ranking della stagione.

    Che scherziamo? Pesce d’Aprile?

  2. mircodiuboldo says:

    spero tanto che sia un pesce d’aprile, come farei senza di voi, a sapere che a cleveland i conti non tornano, ma anche a sapere come va a detroit o ad oakland….

Leave a Reply

You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>