«... YOU back to the Finals? F' sho, Jason, f' sho!»

1. (1) San Antonio 96

(M: 24+25; G: 24+23)

Gerry: Scavato il solco sulla seconda, tempismo perfetto in vista del Rodeo Road Trip.
Mookie: Nel possesso finale sbagliano Parker, Ginobili e Duncan. Ma ci pensa McDyess in tap-in ad espugnare il campo dei Lakers. Segnali inquietanti.

2. (2) Boston 92

(M: 23+24; G: 22+23)

M: .. e quattro furono! Più uno, il coach della squadra che comanda la Conference. Shaq, che di ASG se ne intende, ha scelto il posto giusto per il suo ultimo tentativo.
G: Pronte le coppie per lo scopone d’assi sulla panchina dell’Est: Garnett-Allen contro Pierce-Rondo. Mi raccomando non chiedetegli pure di giocare a basket con i tre amigos di South Beach.

3. (7) Miami 90

(M: 23+23; G: 22+22)

M: Continuano a rendersi insopportabilmente antipatici, inizio a credere che sia una strategia per tenere alte le motivazioni. Mah!.. Nel frattempo vincono a casa di KD, DH e MJ, senza neppure fare rumore.
G: Nei black-out dell’ultimo quarto c’è tutta Miami: più il Re è solo e monopolizzatore, più il discorso del Re diventa balbettante.

4. (9) Dallas 88

(M: 24+21; G: 22+21)

G: A volte ritornano.
M: Lo ammetto, non mi aspettavo di ritrovarli così in alto così in fretta. Recuperata la fluidità offensiva anche senza Butler e con il duo Stojakovic-Beaubois vicino al rientro. Sono 25-1 quando il punteggio è a tre cifre.

5. (4) Chicago 88

(M: 23+22; G: 22+21)

M: Servono 9 turnover di Derrick Rose per vedere Chicago perdere la seconda partita in 23 giorni. Anche se la Oracle Arena non è proprio il Boston Garden.
G: Sono già in trepidazione per la semifinale di conference contro Miami, che rischia di essere una serie tatticamente squisita.

6. (3) Lakers 88

(M: 20+24; G: 21+23)

M: Probabilmente Ron Artest ha deciso di iniziare la sua stagione da aprile, forse coach Zen sta facendo qualche errore, di sicuro c’è che se difendono così il titolo va altrove.
G: Eh beh, manca solo di chiedere a Ron di giocare in regular season! Ma che questi Lakers rinuncino a lui non credo finché non lo vedo.

7. (5) Oklahoma City 86

(M: 23+22; G: 21+20)

G: Ultim’ora sulla fase ecumenica di Durant: riceve palla, fa funzionare la riforma finanziaria di Obama, spala la neve per il Super Bowl di Dallas, si alza, segna e ne fa 43 alla difesa di New Orleans.
M: Russell Westbrook selezionato per l’ASG. Prima che possiate dire che gli avreste preferito qualcun altro ne mette 33 contro i Jazz, comprensivi di 10 assist e 4/4 da tre.

8. (6) New Orleans 76

(M: 19+21; G: 18+18)

G: Inizia a venirmi il sospetto che Ariza ed Okafor fossero più che importanti per il sistema.
M: Tutte le stats lo confermano: senza quei due non c’è difesa. E senza recuperi non ci sono canestri facili in fast-break. A difesa schierata l’attacco degli Hornets vale a mala pena i playoff.

9. (8) Orlando 76

(M: 18+21; G: 17+20)

M: Prendiamo nota delle parole di coach Van Gundy: tra dieci settimane i suoi Magic avranno colmato il gap in classifica con le prime della Eastern.
G: Ma intanto primi screzi anche tra Pippo e Topolino.

10. (10) Atlanta 75

(M: 22+19; G: 17+17)

G: Sarò l’unico a pensarlo, ma più di Johnson ed Horford avrei portato all’All Star Game Josh Smith.
M: Il cammino prosegue senza infamia e senza lode, ma sono più maturi che in passato. Ormai non resta che ri-testarli ai playoff.

11. (11) Utah 75

(M: 18+21; G: 17+19)

M: Non so in cosa credessero, ma la sensazione è che non ci credano più.
G: Mai stati contender, mai stati fuori dai playoff: Dante avrebbe collocato ad honorem i Mormoni nel primo cerchio dell’Inferno.

12. (15) Memphis 66

(M: 19+16; G: 17+14)

G: “Stiamo giocando la migliore pallacanestro dell’anno, giochiamo insieme e tutti si sacrificano per gli altri”. Mittente: Mike Conley. Destinatario criptato: OJ Mayo.
M: Nonostante il caso O.J. ieri il loro nome compariva nel tabellone dei playoff: non succedeva dal tempo di Gasol senior. Ma come allora sarà dura vincere una singola partita di post-season.

13. (12) Denver 66

(M: 15+18; G: 17+16)

G: Michael Corleone che rinuncia a Satana era più credibile di Melo che dichiara di poter rimanere a Denver.
M: Se passiamo la palla e siamo altruisti, se ci attestiamo attorno ai 25 assist di media diventiamo difficili da battere. Qualcuno dica a coach Karl che neppure i Celtics (primi per assist) arrivano a 25. Wrong target?

14. (13) Phoenix 62

(M: 17+16; G: 14+15)

G: Nelle ultime 5 quando Carter fa meno di 20 punti sono 3-0, quando ne segna di più sono 0-2. Inquietudine in Arizona.
M: Da metà dicembre hanno un record negativo, la doppia sfida con i Warriors li può riportare al 50%. Anyway, continuo a reggere il cartellone Free Steve Nash.

15. (14) New York 59

(M: 15+17; G: 13+14)

M: Continua lento ma inesorabile il calo dei Knicks. Il bicchiere mezzo pieno è rappresentato dal nostro Gallinari, abile nell’incrementare il numero di tiri liberi guadagnati.
G: Non riesco a togliermi dalla mente Spike Lee che muove la mano all’italiana dopo i migliori canestri di Danilo.

16. (20) Philadelphia 58

(M: 16+14; G: 15+13)

G: I più strani, i più indecifrabili, i più incostanti. Ma anche i più credibili candidati al settimo posto insieme ai Bucks.
M: L’attuale versione è la seguente: Jrue Holiday diventa il più giovane Sixers di sempre a registrare una tripla doppia, Iguodala da 16 assist senza buttare via una palla, mandare in lunetta i ragazzi di Collins è un suicidio.

17. (16) Portland 58

(M: 15+16; G: 13+14)

M: A un minuto e mezzo dalla fine +2 sui Ca(da)valiers: questi sono gli attuali Blazers. E sono pronto alla rissa con chiunque mi dica che Aldridge è un All-Star.
G: Aldridge è un All-Star! Viuleeenza! Almeno è l’unico sempre sano della compagnia.

18. (19) Houston 57

(M: 17+15; G: 12+13)

G: Regola numero uno per andare ai playoff: avere voglia di andare ai playoff.
M: A giudicare dalla rimonta e successiva vittoria in overtime contro i Grizzlies, non è la volontà a fare difetto. Stanno a ruota in coda al gruppo, ma è troppo tempo che non li si vede provare uno scatto.

19. (17) Charlotte 53

(M: 15+14; G: 13+11)

G: Ecco, le Aspirine della settimana scorsa iniziano a fare effetto.
M: Ma il calendario settimanale era particolarmente duro ed anche Wade li ha giudicati molto più competitivi rispetto alla gestione Larry Brown.

20. (18) Milwaukee 51

(M: 12+14; G: 12+13)

G: La più grave assenza all’All Star Game: Andrew Bogut.
M: Questa volta sono d’accordo. I Bucks e i playoff: Bogut ha saltato altre due partite, Jennings deve ancora carburare, Salmons sta deludendo e Indiana ha cambiato coach..

21. (21) Clippers 48

(M: 15+13; G: 11+9)

G: In attesa che si accorgano di essere forti, Blake Griffin è il primo rookie dal 2003 (Yao Ming) ad essere convocato all’All Star Game.
M: Non parteciperanno alla volata playoff, l’obiettivo stagionale è sostenere Griffin allo Slam Dunk Contest. Almeno in questa competizione dell’ASG nessuno ha nulla da obiettare sulla presenza del rookie.

22. (23) Indiana 47

(M: 13+11; G: 12+11)

G: Coach Gollum ha deciso: il padrone ci ha traditi, e licenziati. Il suo successore ridendo e scherzando è 3-0.
M: Tre partite in cui Indiana ha letteralmente dominato a rimbalzo gli avversari. Anche nell’altra metà campo l’enfasi passa al gioco interno (5 triple tentate in meno a partita) e il primo a beneficiarne è stato.. toh!, Roy Hibbert.

23. (22) Golden State 45

(M: 15+11; G: 11+8)

G: Resti tra noi, ma ad Est sarebbero di nuovo ai playoff.
M: Devo constatare che sono ammirevoli nel tentativo di non apparire come una delle peggiori squadre della Lega. Ma lo sono.

24. (24) Detroit 35

(M: 13+9; G: 6+7)

M: Dumars interviene e Hamilton torna a giocare, ma la situazione tra coach e giocatore è tutt’altro che risolta. Ah, l’ho detto che Monroe mi piace un bel po’?
G: Manca solo che pure il coach venga messo sul mercato o chieda di essere ceduto.

25. (25) Sacramento 26

(M: 11+5; G: 5+5)

M: Senza Thompson hanno battuto gli Hornets (con Okafor e Ariza) per poi perdere dignitosamente da Celtics e Spurs. Confermo un cauto ottimismo.
G: Ogni tanto si tolgono qualche sfizio, ma sempre gulag rimangono.

26. (26) New Jersey 23

(M: 8+6; G: 5+4)

G: Almeno quando erano in corsa per Carmelo ci si divertiva e c’era qualcosa da dire.
M: Perdono quattro partite contro squadre con un record negativo, nel mezzo battono i Nuggets vendicando il rifiuto di Melo.

27. (27) Washington 19

(M: 6+6; G: 3+4)

G: La commozione per il ritorno di Arenas nella capitale è figlia non solo del ricordo dei bei tempi che furono, ma anche dell’inquietudine per il futuro che non c’è.
M: Parlando di futuro, John Wall ha già capito: il suo go-to guy è Nick Young e Rashard Lewis ha un contratto che lo rende incedibile. Poteva andargli meglio.

28. (28) Minnesota 14

(M: 4+3; G: 3+4)

G: Per andare all’All Star Game con 11 vittorie ed il 22% di record devi proprio aver fatto cose speciali.
M: Il fatto che l’alternativa sia soprannominata LaMarginal aiuta. Per fortuna non affronteranno più né Raptors, né Cavs, quindi gran brutte figure per quest’anno non ne possono fare più.

29. (29) Toronto 13

(M: 4+4; G: 3+2)

M: Martedì ho letto che i Pacers hanno scelto di licenziare O’Brien prima della partita contro i Raptors per essere sicuri di inaugurare il nuovo corso con una vittoria. E dire che sarebbe bastato aspettare due giorni in più per avere contro i Cavs.
G: Mi vuoi far credere tra le righe che gli avversari pensano che Toronto sia battibile?

30. (30) Cleveland 4

(M: 1+1; G: 1+1)

G: Una buona notizia c’è: i Cleveland Cavaliers del 1982 non detengono più il record assoluto di sconfitte consecutive.
M: Nella boxe in questi casi il secondo getta la spugna sul ring. I Cavs invece dovranno prolungare l’agonia per altri 31 round.


Nota.
Il punteggio totale di ogni squadra è la somma di quattro valori, due per ciascun blogger, compresi tra 1 e 25 e indicati tra parentesi. Per ciascuna coppia di numeri il primo esprime lo stato di forma attuale della squadra, il secondo la prospettiva finale (di regular season) percepita.
Hollinger who?

Tags:

6 Comments to “Power Ranking #9”

  1. simonpietro says:

    Gerry ti segnalo un piccolo refuso:43 di Kevin contro NO, non 41 (14/19fg, 5/7 3pt, 10/11ft). Da te un errore così grave sul 35 non me lo aspettavo!!! ahahahah
    Dio benedica san Toto McDyess!!! che goduria! e non mi venisse qualche lacustre a dire “che culo”, vogliam parlare di Fisher nel 2004?

  2. Gerry says:

    Ne fa troppi, tutti belli, si perde il conto.

  3. simonpietro says:

    ahhahahah grande gerry.
    Una domanda per Mookie: come mai tutto questo astio per LMA? I tuoi Blazers guidati da LaMarcus han mazzolato gli spurs al Rose Garden qualche giorno fa.

  4. simposio says:

    una nota sulla mia amata squadra i grizzlies: è un piacere vederli così alti nel vostro ranking. Ad oggi sono al 9 posto nella west ma nella est starebbero contendendo il 6 a New York. Per una volta do ragione a guido bagatta, bisognerebbe rimescolare le conference, memphis e NO vadano a Est, per il bene di tutti!

  5. Mookie says:

    Ciao Simonpietro,
    concedimi qualche giorno e ti risponderò con un intero post!
    Nel frattempo oltre agli Spurs (per una ragione che ignoro, Aldridge fa sempre tanti canestri quando vede Duncan) anche i Bulls non sono riusciti a limitare l’ira di LaMarcus.

  6. simonpietro says:

    grazie mookie. Intanto la tua “stuzzicata” produce un carrer-high di 42 nell’area di Tom Thibodeau…vabbè che l’ha marcato Boozer in single-coverage, ma son sempre 42!!

Leave a Reply

You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>